Verbale riunione di giovedì 26/1

Bando ACERSAT.

  • Alcuni membri del gruppo bando ACERSAT hanno aggiornato Costruendo Libera sul lavoro svolto in settimana, sulle difficoltà riscontrate e sono state date informazioni ai presenti su come sostenere la richiesta fondi.

    Il tutto dev’essere fatto entro il 30/1/2012.

  • Presidio di Libera a Pavia.

    Ha parlato Davide Salluzzo, che nel suo discorso ha ricordato i principi dell’associazione, i metodi operativi e gli ideali che l’ispirano. Continua a leggere

Annunci
Pubblicato in Riunioni e verbali, Uncategorized | Lascia un commento

Verbale riunione di giovedì 12/01/2012

Alla riunione sono presenti otto nuove persone; non si affrontano subito i punti all’ordine del giorno, ma si descrive il nostro modo di operare e, nello specifico, i compiti dei 4 gruppetti che si sono formati. Continua a leggere

Pubblicato in Riunioni e verbali, Uncategorized | Lascia un commento

Buon Natale a tutti!

Libera Terra

  Costruendo Libera augura a tutti buone feste e coglie l’occasione per ringraziare tutti coloro che hanno sostenuto finora il gruppo, sia partecipando attivamente che mostrando interesse per le iniziative!

Abbiamo appena terminato l’esperienza dei Banchetti Natalizi, per questo vogliamo darvi alcune informazioni sui prodotti che abbiamo promosso e i siti dove reperirle.

Continua a leggere

Pubblicato in Iniziative, Libera Terra, Uncategorized | Lascia un commento

Verbale riunione del 15/12

  • Formazione
  • Seminari mensili a partire da gennaio con Osservatorio Antimafie e Fondazione Romagnosi

È il momento di iniziare a contattare le persone che si vorrebbero invitare per rendersi conto
se bisogna apportare cambiamenti al calendario abbozzato. Bisogna incontrarsi con
l’Osservatorio per collaborare nell’organizzazione. Continua a leggere

Pubblicato in Riunioni e verbali, Uncategorized | Lascia un commento

Rogo alla pizzeria Impastato: è il terzo in pochi mesi.

La cronaca

Nella notte tra  8 e 9 dicembre, nel magazzino sul retro del market e della pizzeria di Giovanni Impastato fratello di Peppino assassinato dalla mafia, è scoppiato un incendio. Per domarlo sono dovuti intervenire i pompieri di Palermo. I carabinieri indagano a tutto campo e si stanno facendo i dovuti accertamenti per scoprire le cause che lo hanno determinato. Venuti a conoscenza dell’accaduto abbiamo subito chiamato Giovanni Impastato che trovandosi a Pisa aveva appena appreso la notizia con una telefonata della figlia. Ci dice: “Il mio non è solo un negozio, ma un presidio di legalità”, infatti, negli ultimi anni, proprio nella pizzeria sono stati organizzati dei dibattiti, ai quali “Radio 100 passi” ha partecipato, e che hanno visto tra i partecipanti anche Roberto Saviano e il procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso.

Non vogliamo fare illazioni ma ci preme evidenziare che nel mese di luglio proprio durante questi eventi, dopo la serata che ha avuto per tema il quartiere Zen di Palermo, ha preso fuoco la baracca data in gestione ad un venditore di frutta nello spazio antistante al market. È invece di qualche giorno fa l’arresto di 21 persone per mafia a Carini tra i quali quello di Salvatore Rughetta che vendeva pesce proprio davanti al negozio di Impastato.

pizzeria_impastato

[Fonte: Radio 110 passi]

 

La voci della famiglia e dell’Associazione Casa Memoria Impastato.

“Ho qualche dubbio sulla causa accidentale dell’incendio. Mi auguro che i vigili del fuoco abbiano ragione, ma da settembre a oggi registro una serie di fatti inquietanti che mi fanno pensare ad altre cause”. Cosi’ Giovanni Impastato, fratello di Peppino, il militante di democrazia proletaria ucciso da Cosa Nostra nel 1978, commenta i primi accertamenti sul rogo che la notte scorsa ha devastato il magazzino della pizzeria di Cinisi di cui e’ titolare.

”Le indagini stanno facendo luce – dice ma mi sembra strano pensare a un corto circuito all’esterno, nel periodo invernale, all’aperto. Aspettiamo i risultati definitivi, quel che e’ certo e’ che quest’estate hanno incendiato il negozio di frutta e verdura accanto al locale che avevamo dato in gestione; nella retata del 15 novembre scorso, tra gli arrestati per mafia a Carini, c’era anche un fiancheggiatore, Salvatore Rugnetta, che davanti al nostro negozio vendeva pesce; inoltre abbiamodenunciato energicamente un giro di prostituzione gestito da rumeni e lo sfruttatore e’ venuto a protestare in modo provocatorio nella nostra pizzeria”. ”Non sono una persona che approfitta delle circostanze -conclude Impastato – ma questi fatti criminosi, in successione, mi creano qualche timore e mi fanno pensare a un incendio doloso. Spero di essere smentito”.

Queste sono state le parole di Giovanni Impastato riguardo il rogo che ha danneggiato ieri notte i locali della sua Pizzeria. Come Associazione Casa Memoria Impastato formata dai familiari di Peppino e dai loro collaboratori sosteniamo pienamente quanto da lui dichiarato.

Esprimiamo preoccupazione per tutto ciò che sta accadendo a partire dal mese di settembre di quest’anno, con il susseguirsi di ben 3 incendi che hanno interessato dapprima zone adiacenti ai locali di proprietà della famiglia Impastato e stavolta i locali stessi. Abbiamo seri riscontri per pensare che si tratti di un episodio doloso, anche se non siamo certi della matrice. Ci risulta ad esempio da testimonianze dirette l’accatastamento di oggetti che sono stati spostati dal luogo dove erano collocati originariamente al punto
di innesco delle fiamme, probabilmente per alimentarle. Nonostante questo vogliamo lasciare spazio al dubbio e all’ipotesi che si sia trattato di un incidente, anche perché non siamo abituati a lasciarci andare a falsi allarmismi. In ogni caso, al di là di quali siano le cause, continueremo con le nostre attività e con il progetto di strutturare la Pizzeria come un luogo che possa offrire cultura, arte, riflessione, oltre che semplici alimenti, così come è sempre stato, perché alla base non c’è alcuna logica speculativa, ma la semplice voglia di nutrire il territorio, in ogni senso. Del resto è facilmente riscontrabile di come gran parte dei guadagni ottenuti dall’esercizio commerciale ad opera della Famiglia Impastato sono
stati regolarmente reinvestiti nelle attività di promozione culturale e contro la mafia. Questa è la nostra logica, questa è la nostra strada.

[10.12.2011 Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato]

 

Pubblicato in News & info | Lascia un commento

Riunione giovedì 15 dicembre.

 Ricordiamo che questa sera, alle ore 21, al collegio Santa Caterina ci sarà la riunione del nostro gruppo.

  •  L’odg è il seguente:  auto-formazione/formazione: seminari mensili da gennaio con Osservatorio e Fondazione Romagnosi; nostra preparazione; formazione nelle scuole
  • discussione della proposta di Elia (collaborazione con Kos per una serata con Corrado De Rosa, autore del libro I medici della camorra)
  • formazione di gruppetti organizzativi per la programmazione delle attività che inizieranno a gennaio
  • individuazione responsabili contatti con associazioni
  • divisioni di alcuni compiti informatici ( facebook, blog, ecc)
  • discussione, scambio di idee e proposte su questione razzismo (per es: il recente episodio di Torino)
  • riscossione della “quota associativa”(meglio sarebbe dire “di sussistenza del gruppo”) di euro 10, per chi non l’avesse ancora versata.

Pubblicato in Riunioni e verbali | Lascia un commento

SAVE THE DATE(S) # 11-17 dicembre 2011.

o8-14. dicembre – Combattere la mafia mangiando

Costruendo Libera partecipa ai mercatini di Natale in piazza della Vittoria (Pavia).

L’iniziativa nata dal nostro gruppo è in collaborazione con “Bottega del mondo”- Altromercato. L’obiettivo è  creare una sensibilità verso i prodotti di Libera Terra: prodotti tipici coltivati in modo biologico dalle cooperative sorte sui terreni confiscati alle mafie.Acquistando un prodotto o un cesto natalizio si potrà dare il proprio contributo diretto allo sviluppo della cultura dell’antimafia, finanziando chi in prima linea si batte ogni giorno per il contrasto della criminalità organizzata.

(orario: 9.00-19.30)

11-17. dicembre – RAI: Pianificazione campagna di Libera Rai per il sociale.

[QUI] nel dettaglio la pianificazione completa.

lunedì 12 dicembre – Presentazione del libro 

LO STATISTA. Francesco Cossiga. Promemoria su un presidente eversivo.

di Nando DELLA CHIESA.

Con un intervento di Ilaria Meli (autrice della raccolta e selezione del materiale di archivio). Insieme all’autore saranno presentiDanilo De BiasioRoberta De Monticelli, Armando Spataro.

«Alla fine lo hanno salutato come un grande statista.
Eppure più scavavo nella memoria, più selezionavo i fatti, più mi rendevo conto che Cossiga era stato il vero trait d’union tra la prima Repubblica e la seconda, il custode dei misteri della prima e l’anticipatore delle insolenze della seconda. Ormai fuori dalla prima e mai abbastanza dentro la seconda, aveva finito per rappresentarle tutte e due: lo spirito dei tempi del Divo e lo spirito dei tempi del Caimano».

 Nando dalla Chiesa è professore di Sociologia della criminalità organizzata alla Facoltà di Scienze politiche dell’Università statale di Milano, dove insegna anche Sociologia dell’organizzazione e Gestione e comunicazione d’impresa. è presidente onorario dell’associazione Libera e presidente della Scuola di formazione politica “Antonino Caponnetto”. Editorialista de il Fatto Quotidiano e di Europa, collabora con diversi periodici e riviste. È stato parlamentare per tre legislature e sottosegretario all’Università e alla Ricerca nel secondo governo Prodi.
Con Melampo ha pubblicato i libri di impegno civile: Le ribelli (2006), la nuova edizione di Delitto imperfetto (2007), il testo teatrale Poliziotta per amore (2009) e La Convergenza. Mafia e politica nella Seconda Repubblica (2010). E poi quelli di satira politica La fantastica storia di Silvio Berlusconi(2004), Vota Silviolo! (2005) e il racconto calcistico-generazionale Quattro a tre (2006).

Milano | Ostello Bello | via Medici, 4 (MM Duomo). h. 21.00

Ingresso libero

IN LIBRERIA
pp. 184 | € 16,00 | ISBN 978-88-89533-63-5

giovedì 15 dicembre- scadenza premio “Roberto Morrione”

Il Premio Roberto Morrione è rivolto ai giovani giornalisti, free lance, studenti, volontari dell’informazione ed ha l’obiettivo di promuovere, sostenere e incentivare concretamente la realizzazione di inchieste televisive di giornalismo investigativo nel nome di Roberto Morrione che, nella sua lunga carriera di giornalista, ha sostenuto con forza l’importanza dell’inchiesta per restituire un contesto alle notizie e far comprendere i fatti. I tutor dei finalisti saranno tre grandi giornalisti d’inchiesta:
Ennio Remondino,
Sigfrido Ranucci,
Maurizio Torrealta.

I tre vincitori saranno resi noti il 31 gennaio 2012. La premiazione finale dei lavori prodotti avverrà nel mese di giugno all’interno del Premio Ilaria Alpi a Riccione.

L’inchiesta premiata sarà trasmessa da Rainews24.

Info e contatti
Segreteria “Premio Roberto Morrione” c/o Associazione Ilaria Alpi
viale delle Magnolie 2 – 47838 Riccione
Tel: 0541 691640, Fax: 0541 475803
Mobile: 3351386454 
Web: www.premiorobertomorrione.it 
Mail:premiomorrione@ilariaalpi.it

Giovedì 15 dicembre: riunione Costruendo Libera

La prossima riunione del nostro gruppo sarà giovedì 15, h. 21.00 al Collegio Santa Caterina. L’o.d.g. è ancora provvisorio, verrà reso noto non appena sarà approvata la forma definitiva.  Proposte e/o suggerimenti  possono essere comunicati all’indirizzo: costruendolibera@gmail.com

Sabato 17 dicembreMAFIE SENZA CONFINI NOI SENZA PAURA

Regione Emilia Romagna – Assemblea Legislativa e Fondazione Libera Informazione organizzano l’incontro:

MAFIE SENZA CONFINI NOI SENZA PAURA. Istituzioni, associazioni e cittadinanza a confronto.

h. 09.00-13.00 |Sala polivalente – Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna |        via Aldo Moro, 50 Bologna

PROGRAMMA:

  • Ore 9.30: Saluti istituzionali
  • Ore 10.00 -11.15: Le mafie in Emilia-Romagna: dall’insediamento alle presenze. Presentazione e discussione del dossier “Mafie senza confini, noi senza paura”

Roberto ALFONSO Procuratore della Repubblica di Bologna

Giovanni TIZIAN giornalista

Lorenzo FRIGERIO coordinatore di Libera Informazione

  •  Ore 11.15 – 12.45: Le mafie in Emilia-Romagna: buone prassi e nuove strategie

Tavola rotonda coordinata da Santo DELLA VOLPE, direttore Libera Informazione. Dalla nuova legge regionale alle buone prassi.

Interventi a cura di: Libera – CUP Modena – Avviso Pubblico – Alleanza reggiana per una società senza mafie.

Conclusioni a cura di:

Matteo RICHETTI Presidente Assemblea Legislativa Regione Emilia Romagna

Don Luigi CIOTTI Presidente di Libera

Anna CANEPA Magistrato della Direzione Nazionale Antimafia

Carlo Alberto RONCARATI Presidente di Unioncamere regionali

  •  Ore 12.50:Firma del protocollo tra Libera Emilia-Romagna e Unioncamere regionale
Pubblicato in Appuntamenti, Riunioni e verbali | Lascia un commento